2011 - Milano: progettare la demolizione
In città sono d'obbligo tecnologie sofisticate e misure importanti per il controllo ambientale. La demolizione deve essere progettata attentamente in ogni suo aspetto per garantire sicurezza, qualità ambientale, produttività
2008 - Demolizione e controllo ambientale
Le operazioni di abbattimento quando gli edifici si trovano in spazi confinanti o adiacenti ad altri da preservare
Nuovo girosagoma Cat 314 E
Già operativo in cantiere il nuovo escavatore rosso: un girosagoma per intervenire in spazi ristretti
Fotografie
Video

Demolizioni nei centri storici

Demolire in città

Lavorare alla demolizione di edifici civili o industriali nei centri storici è una delle attività di demolizione che richiedono la maggior perizia operativa. Occorre eliminare completamente ogni rischio per le abitazioni adiacenti, ma anche minimizzare l’emissione di polveri e detriti, nonché limitare al massimo l’impatto sonoro utilizzando mezzi meccanici silenziati e tecniche particolari di approccio alla demolizione: demolizione controllata, smontaggio selettivo e progressivo; talvolta interventi manuali.

Armofer impiega sistemi di abbattimento e controllo delle polveri, schermature di cantiere con idonee protezioni e mantiene costantemente monitorata l’evoluzione dei parametri ambientali durante l’intervento di demolizione.  Soprattutto, Armofer  tiene aperto costantemente il dialogo con tutti i soggetti interessati direttamente o indirettamente dal cantiere.

Nella convinzione che il dialogo e il confronto siano la strada migliore per affrontare e risolvere gli eventuali fattori di criticità.



giovedì 29 settembre 2011

2011 - Progettare la demolizione

In Milano le operazioni di demolizione sono rigorosamente progettate e controllate dal punto di vista della gestione ambientale del cantiere: polvere, cadute di macerie, vibrazioni e rumore sono monitorati e abbattuti. Con l'ausilio di una telecamera sul braccio il Liebherr 954 può lavorare in sicurezza con sbraccio massimo controllando la proiezione delle macerie in quota. Milano, via Legioni Romane, luglio e agosto 2011