Foto 2011-demolizione strutturale e caricamento mine
Pieve Emanuele, settembre 2011: gli interventi di preparazione all'esplosione-evento (demolizione per ribaltamento con microcariche controllate) prevedono alcuni mesi di lavoro che vedono impegnato primo fra tutti il Caterpillar 365 per l'indebolimento strutturale dei manufatti in c.a., il taglio dei vani ascensore e dei vani scala, gli opportuni indebolimenti strutturali, lo smontaggio selettivo dei materiali da recuperare. Segue poi la preparazione dei piani di allettamento, la perforazione delle strutture per l'alloggio delle mine, il caricamento mine vero e proprio, la protezione dei piani minati e l'approntamento delle opportune misure di controllo ambientale e abbattimento polveri. Coordina l'intervento Emilio Cinerari.
Foto 2011- demolizione evento
a spettacolare demolizione di Pieve Emanuele del 10 settembre 2011. Oggetto dell'intervento due palazzi pluripiano in c.a. ribaltati al suolo con esplosione di microcariche controllate, dopo essere stati oggetto di opportuna preparazione (bonifica, stripout selettivo, indebolimento strutturale e caricamento mine). la sequenza dell'esplosone.
Video 2011 - Demolizione con esplosivo
Pieve Emanuele, 10 settembre 2011, ore 14:38. Alla presenza delle Autorità, dei Tecnici, dei giornalisti e del pubblico Armofer procede alla demolizione di 2 palazzi in cls armato
Video 2011 - Armofer demolizione esplosivo
Demolizione con esplosivo di sue palazzi a Pieve Emanuele ad opera di Armofer

Demolizione con esplosivo

Demolizione con esplosivo

Sin dagli anni Ottanta Armofer Cinerari Luigi demolisce con l'impiego di esplosivo: microcariche ritardate opportunamente piazzate in modo da far implodere o collassare in maniera controllata manufatti, generalemente ciminiere, torri, serbatoi pensili di altezza elevata. Per questi intervento occorre una grande perizia tecnica e la progettazione nel dettaglio di tutti gli interventi in modo da far collassare il manufatto, precedentemente pulito da eventuali sovrastrutture metalliche, esattamente nella direzione desiderata.
Oggi Armofer interviene con l'ausilio dell'esplosivo anche per progettare demolizioni di edifici multipiano, strutture complesse, di grande altezza e dimensione: ne conseguono interventi spettacolari che attirano migliaia di persone nel giorno previsto per il collasso controllato. Dietro a questi spettacolari interventi dove tutto e calcolato e sincronizzato fino al minimo dettaglio, vi sono grande perizia tecnica e grande capacità organizzativa e logistica.


sabato 11 febbraio 2017

2017-Demolizione dell'ecomostro di Lacchiarella

Armofer demolisce "il Palazzaccio" di Lacchiarella, ecomostro in cemento armato da 26 anni abbandonato fra l'abitato e la strada Binasca. La prima pinzata di fronte al Sindaco di Lacchiarella, alla Stampa e a un numeroso pubblico di cittadini e curiosi. Per la demolizione primaria interviene Liebherr 954 (classe 90 ton) con braccio super long demolition da 27 m e pinza da calcestruzzo NPK S23. In cantiere anche Cat 336F con frantumatore o benna per la demolizione secondaria e deferrizzazione, pala gommata Liebherr, cannone abbattimento polveri V12S per il controllo ambientale. Per l'evento pubblico in cantiere intervengono anche i ragazzi del Team Unieuro Trevigiani che l'impresa di Siziano da anni sponsorizza.