2012 - Tutto quella notte
Cinque macchine al lavoro contemporaneamente per demolire il ponte ferroviario sul Laveggio in Svizzera. Operatività notturna, grande perizia tecnica e logistica per terminare il lavoro in sole 12 ore
2012 - Demolizione video sorvegliata
Demolizione di un viadotto autostradalesulla E45: Armofer opera sia da terra con bracci demolition sia dall'impalcato con mezzi controllati a distanza. In tutta sicurezza.
Foto 2017-Demolizione dell'ecomostro di Lacchiarella
Armofer demolisce "il Palazzaccio" di Lacchiarella, ecomostro in cemento armato da 26 anni abbandonato fra l'abitato e la strada Binasca. La prima pinzata di fronte al Sindaco di Lacchiarella, alla Stampa e a un numeroso pubblico di cittadini e curiosi. Per la demolizione primaria interviene Liebherr 954 (classe 90 ton) con braccio super long demolition da 27 m e pinza da calcestruzzo NPK S23. In cantiere anche Cat 336F con frantumatore o benna per la demolizione secondaria e deferrizzazione, pala gommata Liebherr, cannone abbattimento polveri V12S per il controllo ambientale. Per l'evento pubblico in cantiere intervengono anche i ragazzi del Team Unieuro Trevigiani che l'impresa di Siziano da anni sponsorizza.
Foto 2015-Demolire lungo la strada
Demolizione lungo la strada urbana in zona residenziale. In campo l'escavatore cingolato Liebherr 974 per la demolizione di un fabbricato di 8 piani fuori terra e 2 interrati. Armofer per Sviluppo Residenziale Italia a Milano.
Foto 2014-Armofer demolisce a Citylife
Demolizioni complesse di strutture in c.a. e ferro nel cuore di Milano, nell'ambito del progetto di riqualificazione urbana Citylife. La demolizione avviene senza ritardi in una situazione ambientale molto delicata, per il contesto urbano, per il traffico la viabilità, per la vicinanza estrema del Nuovo Padiglione Congressi e per le numerose attività di costruzione in corso (scavo M5; costruzione Tre Torri).
Video 2017 - Demolizione Ecomostro
Armofer demolisce a Lacchiarella con Liebherr R954B equipaggiato di pinza per calcestruzzo NPK S23XCR. Le spettacolari riprese della demolizione in corso, con tecnica di abbattimento top-down. Un'intera flotta di macchine a servizio del cingolato primario per la deferrizzazione, la frantumazione e la riduzione volumetrica delle macerie interamente destinate al riciclaggio
Video 2011 - Armofer demolizione meccanica top down
Pieve Emanuele, ottobre 2011. Demolizione meccanica top down di edifici multipiano (9 piani, 35 m di altezza) in calcestruzzo armato.
Video 2011 - Demolizione meccanica
Pieve Emanuele, settembre 2011. Demolizione meccanica per indebolimento strutturale preventivo alle operazioni di demolizione con esplosivo.

Demolizione ponti, viadotti, cavalcavia e infrastrutture

Demolizione infrastrutture

La demolizione di infrastrutture è un tema complesso sia per le tecniche di intervento e i mezzi d'opera necessari per eseguire i lavori in sicurezza, sia per le questioni logistiche: strade, ferrovie e opere pubbliche in genere devono essere chiuse per il tempo più breve possibile e spesso occorre intervenire con operatività notturna, per limitare l'impatto sulla viabilità.
Occorre prevedere una flotta imponente perchè il lavoro deve essere concluso nel giro di poche ore. Armofer demolisce ponti e viadotti in notturna impiegando una flotta di 5 escavatori contemporaneamente. E' il caso, portato a  termine nel 2012 dei ponti ferroviari svizzeri nel Mendrisiotto (lungo la linea nuova Mendrisio-Stabio-Varese-Malpensa) demoliti uno dopo l'altro in altrettante notti di lavoro minuziosamente preparate nel dettaglio (leggi l'articolo completo).
In questi casi la perizia logistica dimostrata e il coordinamento delle operazioni di cantiere sono state la chiave del successo. In campo anche l'officina mobile e il responsabile del Service Armofer pronto all'intervento immediato per risolvere eventuali imprevisti.
Un altro tema importante che riguarda le demolizione delle infrastrutture è l'abbattimento dei viadotti a grande altezza: escavatori a braccio lungo da terra (demolizione convenzionale) si alternano a macchine di grosse dimensioni radiocomandate per interventi videosorvegliati, con sistemi altamente professionali, grazie a sofisticati impianti che consentono una sorta di operatività in remoto, in tutta sicurezza e comfort per superare problematiche di altezza eccessiva, di visuale difficoltosa, di condizioni meteo difficili che potrebbero interferire con le corrette operazioni di demolizione.
Il fronte di demolizione, grazie a telecamere professionali, è sempre perfettamente visibile a breve distanza. Con queste tecnologie Armofer ha demolito nell'inverno del 2011-2012 un viadotto di 220 m sulla E45 in centro Italia (vai all'articolo completo).

Armofer è in grado di garantire il rispetto delle tempistiche preventivate grazie a una ottimale organizzazione del cantiere e preparazione dei mezzi che intervengono nelle operazioni, ma anche grazie alla grande flessibilità aziendale e alla preparazioane dei propri tecnici. Tutte le operazioni si svolgono nel massimo rispetto dei più severi standard di sicurezza per gli operatori e gli utenti di strade, autostrade, ferrovie.



martedì 20 novembre 2012

2012 - Operatività notturna

Armofer demolisce in sole 12 ore (nella notte fra il 29 e il 30 settembre 2012) un ponte ferroviario in Svizzera, sul fiume Laveggio. In campo un'imponente flotta di uomini e mezzi (5 contemporaneamente sul fronte di demolizione) coordinati da Emilio Cinerari, per garantire precisione di intervento e rispetto delle tempistiche strettissime di operatività.